Pulitore ad Ultrasuoni per la Dentiera: perchè usarlo!

Pulitore ad ultrasuoni per dentiera

Perché usare un pulitore ad ultrasuoni per la protesi dentale?

Pulire i denti finti con un apparecchio ad  ultrasuoni ti dà un modo per pulire loro superficie a livello microscopico.

Questi oggetti non sostituiscono la tradizionale spazzolatura della protesi dentale, la integrano. Essi vi permettono di rimuovere microrganismi e detriti ad un livello in cui le setole del tuo spazzolino hanno un effetto minimo.

Cosa ci dicono gli studi sulla pulitura ad Ultrasuoni.

Mentre la spazzolatura è un ottimo modo per rimuovere l’accumulo di massa e pellicola di sporco, non è così efficace a livello microscopico.

Gli studi che hanno ispezionato la superficie della protesi dentali (dentiera) utilizzando un microscopio elettronico hanno evidenziato che anche se  la sessione di spazzolatura più diligente non riesce in genere a rimuovere una parte sostanziale dei detriti microscopici .

Questo perché le microporosità, graffi, venature, angoli e fessure possono ospitare una enorme quantità di microorganismi non raggiungibili dalle setole dello spazzolino. 

Cosa bisogno sapere.

Per le ragioni di cui sopra, ha senso prendere in considerazione l’uso di un pulitore ad ultrasuoni nella cura quotidiana della propria protesi dentale.

Così si può decidere se far entrare nella propria routine quotidiana un pulitore ad ultrasuoni, in questa pagina descriveremo come funzionano queste unità, la loro efficacia e come vengono generalmente utilizzati.

Pulitori ad Ultrasuoni per Dentiere.

Come Funzionano questi dispositivi

I pulitori ad ultrasuoni fondamentalmente vibrano un bagno di acqua. Il movimento del liquido nel serbatoio viene creato da un traduttore ad alta frequenza.

L’azione detergente effettiva creato dal pulitore ad ultrasuoni è dovuto a questo fenomeno.

  • Uno è l’azione della soluzione del bagno che è spinto contro la superficie della protesi. 
  • L’altro è un azione di “scrubbing” creata dalla formazione di micro bollicine generate dalla intensa agitazione della soluzione (ultrasuoni) . Mentre la rottura della pellicola di sporco (un processo definito “cavitazione”), crea una micro ma potente onda d’urto in grado di rimuovere la sporcizia dalle superficie della  protesi.

Utilizzare un detergente per protesi ad ultrasuoni.

  • Come primo passo, la protesi deve essere accuratamente spazzolato . Questo aiuta a rimuovere le particelle ed i detriti.
  • il serbatoio dell’unità ad ultrasuoni deve essere riempito di acqua. In alternativa la maggior parte delle case produttrici pulitori ad ultrasuoni consigliano un certo tipo di preparazione con maggiori  proprietà detergenti .

    Questa soluzione  puo’ essere anche preparata in casa ed avere la stessa efficacia (lo vedremo in un altro articolo), Il detergente aiuta a ridurre la tensione superficiale dell’acqua, che contribuisce a migliorare il tasso di cavitazione.

  • Se più di una persona utilizzerà l’apparecchio, posizionare la protesi in un sacchetto in modo che sia ricoperta con la soluzione prescelta. Rimuovere la maggior parte dell’aria. Poi sigillare il sacchetto ed immergerlo nel serbatoio dell’unità. (In questo modo non vi sarà contaminazione del liquido .)
  • Accendere l’unità e farlo funzionare attraverso il suo ciclo.
  • In seguito, sciacquare la protesi a fondo con acqua di rubinetto fredda.
  • A questo punto si potrebbe procedere alla disinfezione chimica della vostra protesi mediante l’utilizzo di un classico prodotto detergente.

Quanto dura un trattamento?

  • I pulitori a ultrasuoni in genere hanno timer che girano per 3 a 6 minuti e poi spegnerli automaticamente. Esecuzione di un ciclo è generalmente sufficiente.
  • Lo studio citato qui di seguito  ha utilizzato un trattamento di un tempo di 15 minuti per dentiera.
  • Un altro studio sugli effetti del trattamento ad ultrasuoni su strumenti odontoiatrici, ha rilevato che nessun ulteriore effetto di pulizia è stata realizzata dopo 5 a 10 minuti.

Efficacia delle Unità ad Ultrasuoni

Un documento pubblicato  afferma  che l’uso di dispositivi a ultrasuoni genera un risultato nettamnte superiore  all’uso di una semplice soluzione ammollo effervescente (pastiglie). Tra le varie utilità possiamo affermare che è un valido strumento per la rimazione del tartaro , come detergente della protesi dentaria, e per pulire la dentiera dalla nicotina.

Unità a ultrasuoni da casa.

Mentre quasi tutti i dentisti hanno lavatrici a ultrasuoni nel loro studio, non è così comune che i loro pazienti abbiano uno di questi strumenti a casa.

Abbiamo fatto un rapido controllo on-line  di alcuni rivenditori web per vedere cosa c’è a disposizione. Abbiamo trovato quattro o cinque diverse marche di unità ad ultrasuoni da casa per la vendita. Abbiamo visto una gamma di prezzi che rende queste unità ragionevolmente accessibile per una utenza domestica.

 

Considerazioni finali per  acquisto di pulitore ad ultrasuoni  per protesi dentale

Il classico processo di pulizia della propria protesi mediante spazzolino è molto meno efficace di quello che la maggior parte delle persone può immaginare.  Quindi l’utilizzo di un pulitore ad ultrasuoni fà sicuramente pendere la bilancia a favore di un suo acquisto.

L’utilizzo di un pulitore ad ultrasuoni a casa potrebbe essere particolarmente utile per chi soffre di disturbi abilità manuale e quindi trovare la spazzolatura dell propria difficile, o rischioso (rottura protesi).

Il costo di queste unità non è molto proibitivo e lo diventa diventa sostanzialmente meno se più di una persona può utilizzarlo. Un’altra misura di risparmio dei costi sarebbe usare soluzione detergente fatta in casa (articolo a parte) anziché una preparazione di proprietà del costruttore o reperibile in commercio .

Da non dimenticare che l’apparecchio ad ultrasuini puo’ anche essere utile per la pulizia del proprio bite.

Una selezione per tutte le tasche

Ed anche per altri usi!